fbpx

Blastocisti Espansa: È Una Buona Notizia?

di Severino Cirillo, Maggio 22, 2024

Nell’articolo di oggi parleremo della blastocisti espansa, un momento cruciale nei trattamenti di fecondazione in vitro (PMA).

Scopriamo cos’è una blastocisti in espansione, quali sono le blastocisti migliori, come capire se è buona, quante blastocisti superano gli esami pre-impianto, e quando si impianta una blastocisti congelata.

Cosa Significa Blastocisti espansa o in espansione?

La blastocisti è uno stadio di sviluppo dell’embrione che si verifica circa cinque giorni dopo la fecondazione.

Durante questo periodo, l’embrione si trasforma da una semplice massa di cellule a una struttura complessa con due distinti strati cellulari: la massa cellulare interna, che diventerà il feto, e il trofoectoderma, che forma la placenta.

Una blastocisti in espansione è una blastocisti che ha raggiunto un grado di sviluppo avanzato, caratterizzato da una cavità centrale piena di liquido e un aumento di volume.

Il raggiungimento dello stadio di blastocisti in espansione è un segnale positivo, poiché indica che l’embrione è in buona salute e ha un alto potenziale di impianto nell’utero.

In un contesto di fecondazione in vitro, le blastocisti espanse sono spesso preferite per il trasferimento, poiché mostrano una maggiore capacità di attecchimento rispetto agli embrioni in stadi di sviluppo precedenti.

Quali Sono le Blastocisti Migliori?

La qualità delle blastocisti viene valutata in base a diversi criteri, inclusi la struttura e l’aspetto della massa cellulare interna e del trofoectoderma.

Le blastocisti di grado A sono considerate le migliori, poiché hanno una massa cellulare interna ben formata e un trofoectoderma con cellule uniformi e numerose.

Le blastocisti di grado B sono leggermente meno preferibili, ma ancora considerate di alta qualità, mentre le blastocisti di grado C hanno caratteristiche meno favorevoli.

Un altro aspetto importante nella valutazione delle blastocisti è la loro capacità di espandersi.

Le blastocisti espanse al grado 5 o 6, secondo la classificazione Gardner, sono considerate ottimali per il trasferimento, poiché dimostrano un alto potenziale di impianto.

Tuttavia, è importante notare che anche blastocisti di grado inferiore possono portare a una gravidanza di successo.

blastocisti espansa

Come Capire se una Blastocisti è Buona?

Capire se una blastocisti è buona implica una valutazione dettagliata basata su criteri morfologici.

Gli embriologi esaminano la blastocisti al microscopio, valutando la compattezza della massa cellulare interna e la coesione del trofoectoderma.

Le blastocisti con una massa cellulare interna ben definita e un trofoectoderma uniforme sono considerate di alta qualità.

Oltre ai criteri morfologici, alcuni centri di fertilità utilizzano tecniche avanzate come la time-lapse imaging e la biopsia embrionale per valutare la qualità delle blastocisti.

Uno studio ha confrontato gli esiti di gravidanza e perinatali tra blastocisti espanse vitrificate al quinto giorno (D5) e al sesto giorno (D6) dopo un singolo trasferimento di blastocisti congelate.

Analizzando i dati clinici di 7.606 cicli di impianto di blastocisti scongelate, i ricercatori hanno suddiviso le blastocisti in sei gruppi in base alla qualità e al giorno di vitrificazione.

I risultati hanno rivelato che non ci sono differenze significative negli esiti di gravidanza e perinatali tra le blastocisti di alta qualità vitrificate al D5 e al D6.

Tuttavia, per le blastocisti di bassa qualità, quelle vitrificate al D5 hanno mostrato un tasso di gravidanza clinica e un tasso di nati vivi superiori rispetto a quelle vitrificate al D6.

Questo studio dunque suggerisce di preferire la selezione di blastocisti espanse di alta qualità senza considerare il giorno di vitrificazione, mentre per le blastocisti di bassa qualità è preferibile scegliere quelle vitrificate al D5.

Quante Blastocisti Superano la Diagnosi Pre-Impianto?

La diagnosi genetica pre-impianto e lo screening genetico pre-impianto sono tecniche utilizzate per esaminare le blastocisti alla ricerca di anomalie genetiche prima del trasferimento nell’utero della paziente.

Questi test sono particolarmente utili per coppie con una storia di malattie genetiche o aborti ricorrenti.

Tuttavia, non tutte le blastocisti superano la diagnosi pre-impianto.

Le statistiche indicano che circa il 50-60% delle blastocisti sottoposte a questi esami sono euploidi, ovvero hanno un numero corretto di cromosomi.

Le blastocisti aneuploidi, con un numero anomalo di cromosomi, sono generalmente scartate poiché hanno un basso potenziale di impianto e un alto rischio di aborti spontanei.

Tuttavia, il tasso esatto di blastocisti che superano la diagnosi pre-impianto può variare in base all’età della donna, alla qualità degli ovociti e ad altri fattori individuali.

Quante Blastocisti è Meglio Trasferire?

La decisione sul numero di blastocisti da trasferire è delicata e deve essere fatta in collaborazione con il medico.

In passato, era comune trasferire più embrioni per aumentare le possibilità di gravidanza.

Tuttavia, questa pratica comportava un alto rischio di gravidanze multiple, che possono essere complicate sia per la madre che per i neonati.

Oggi, grazie ai progressi nelle tecniche di fecondazione in vitro e alla migliore selezione embrionale, il trasferimento di un singolo embrione è diventato lo standard in molti centri.

Questo approccio riduce significativamente il rischio di gravidanze multiple senza compromettere le possibilità di successo.

In alcuni casi, tuttavia, potrebbe essere consigliabile trasferire due blastocisti, specialmente in pazienti con una bassa probabilità di impianto o con precedenti fallimenti di PMA causati da bassa fertilità.

Quando si Impianta una Blastocisti Congelata?

Il trasferimento di blastocisti congelate è una pratica comune nei trattamenti di fecondazione assistita.

La crioconservazione delle blastocisti permette di preservarle per futuri tentativi di impianto, riducendo la necessità di cicli di stimolazione ovarica multipli.

Una blastocisti congelata viene generalmente impiantata durante un ciclo naturale della donna o con il supporto di una terapia ormonale che prepara l’endometrio per l’impianto.

Il momento ottimale per il trasferimento di una blastocisti congelata dipende dalla preparazione endometriale.

L’endometrio deve essere sufficientemente spesso e ben vascolarizzato per supportare l’impianto.

In un ciclo naturale, il trasferimento viene programmato in base ai livelli di ormone luteinizzante (LH) e al picco di estradiolo.

In un ciclo supportato, invece, la donna riceve estrogeni e progesterone per simulare le condizioni ideali per l’impianto.

Noi Siamo Con Te.

Noi di Genitore Informato siamo con te lungo tutto il viaggio della genitorialità, dal periodo fertile, al preparto alla vita con i bambini.

Ti supportiamo con le nostre guide, i nostri corsi e con consulenze personalizzate.

Ricorda, non sarete mai soli in questo viaggio, noi siamo con voi.

Fonti

Hu J, Zheng J, Li J, Shi H, Wang H, Zheng B, Liang K, Rong C, Zhou L. D6 high-quality expanded blastocysts and D5 expanded blastocysts have similar pregnancy and perinatal outcomes following single frozen blastocyst transfer. Front Endocrinol (Lausanne). 2023 Nov 9;14:1216910. doi: 10.3389/fendo.2023.1216910. PMID: 38027138; PMCID: PMC10666767.

Dott.ssa Claudia Denti

Esperta di Educazione, Sonno e Gestione del bambino. Laureata in Scienze dell'Educazione e Formazione, si occupa di aiutare i genitori a crescere bambini sani e felici secondo principi validati dalla comunità scientifica. Fondatrice di Genitore Informato e ideatrice del metodo Sonno Felice - certificata Sonno Sicuro e Primo Soccorso Pediatrico - supporta i genitori nel loro viaggio dal 2014.

Dott. Severino Cirillo

Esperto di Salute, Benessere ed Educazione. Laureato in Community Health, è il CEO di Genitore Informato e si occupa di validare l'informazione scientifica del blog e coordinare il team di esperti della redazione, composto da ginecologi, ostetriche, psicoterapeuti e altre figure del benessere e della salute in gravidanza, perinatale e genitoriale.

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}