fbpx

Diastasi Addominale

di Claudia Denti, Novembre 21, 2023

Nell’articolo di oggi parliamo di un problema piuttosto invalidante che in pochi conoscono: la diastasi addominale. Se ne parla poco, anche perché spesso ci si chiude in un guscio di vestiti e di incertezze che minano i nostri rapporti e la nostra autostima

Ci si guarda allo specchio e si scorge un corpo diverso, irriconoscibile e che non sentiamo nostro. 

La gravidanza porta con sé tante cose belle, ma alle sue spalle lascia dei segni che potrebbero cambiare per sempre la vita di una donna.
Altri problemi invece sono invisibili, ma altrettanto presenti come la depressione post partum.
Oggi parliamo della diastasi, un nemico subdolo che in pochi conoscono bene.

Quali sono i sintomi di una diastasi addominale?

La Diastasi Addominale è una separazione dei muscoli retti addominali.
È una condizione normale che avviene in gravidanza, ma diventa una complicazione nel momento in cui, dopo qualche mese dal parto, i muscoli non tornano alla loro posizione iniziale. 

I muscoli addominali non riescono più a lavorare come prima e non riescono a contenere la parte dell’addome al loro interno. 

Quando succede, si tende a prendersi la colpa del proprio aspetto fisico, ci si guarda allo specchio giudicando la propria forma come una colpa necessariamente nostra, scarsa attività fisica, un’alimentazione non corretta, una nostra incapacità a mettersi in forma dopo la gravidanza. 

Questa grande tensione ricade inevitabilmente sulla vita di chi ci circonda, sulla nostra famiglia e sui nostri figli, risulta difficile goderci i primi attimi di vita del nostro bambino, gioire dei piccoli momenti quotidiani e di condivisione.

Ma la Diastasi Addominale è una patologia e non una colpa. Come si presenta?

diastasi addominale

Cosa provoca la diastasi addominale?

A distanza di più di sei mesi dal parto, la pancia è rimasta gonfia tanto da sembrare una nuova gravidanza? Nonostante la dieta e l’esercizio fisico, la pancia non diminuisce, se non addirittura tende a gonfiarsi dopo i pasti?

In questi casi potresti soffrire di diastasi addominale.

Le problematiche più comuni legate a questa patologia sono:

C’è una prima autodiagnosi che si può svolgere a casa propria anche se successivamente è consigliabile contattare il medico specialista più vicino per una ecografia, visita chirurgica, esami preoperatori e, se necessario, l’intervento.
L’intervento viene definito dallo specialista in base ai risultati degli esami. Non c’è un solo tipo di chirurgia, ma viene studiata su misura del paziente. 

A chi rivolgersi?

In Italia c’è l’Associazione Diastasi Italiana ODV che si occupa proprio di questo. Attraverso l’Associazione si entra in contatto con mamme che condividono lo stesso problema, mamme che hanno superato la difficoltà e danno supporto a chi ancora deve affrontare l’intervento. 

La condivisione è fondamentale, come il supporto.

L’Associazione ha portato una petizione al Ministero della Salute per far presente le difficoltà che le donne devono affrontare per ottenere supporto dallo Stato. 

Infatti chi vuole ottenere supporto attraverso il SSN (Servizio Sanitario Nazionale) deve mettersi in lunghe file d’attesa, che passano anche l’anno, prima di poter accedere all’intervento. 

Se stai affrontando questa difficoltà, sappi che non sei sola.
In fondo all’articolo troverai dei link diretti per entrare in contatto con l’Associazione.

Cosa posso fare per prevenire la diastasi addominale?

La Diastasi Addominale colpisce una donna su 3. La causa non è del tutto chiara, purtroppo. È più frequente, però, in alcuni casi:

  • l’età avanzata della futura mamma (oltre i 35 anni)
  • un feto con peso elevato
  • gravidanza gemellare
  • gravidanze precedenti
  • indebolimento muscolare
  • eccessiva attività fisica
  • tosse cronica
  • obesità

Per prevenirla, durante la gravidanza, sarebbe opportuno:

Nonostante la patologia sia comune a molte mamme, gli interventi sono molteplici e differenziati a seconda del caso specifico. 

La Diastasi Addominale nell’uomo

Ebbene sì, la Diastasi Addominale colpisce anche l’uomo, chiaramente non in seguito alla gravidanza, ma per altri motivi:

  • peso eccessivo
  • sforzi ripetuti in lavori fisicamente impegnativi
  • allenamenti troppo intensi
  • genetica

L’Associazione, anche in questo caso, dà supporto anche agli uomini che si trovano ad affrontare il medesimo problema. 

L’unione fa la forza, il dialogo aiuta a condividere e il supporto è fondamentale.

Noi siamo con te.

Noi di Genitore Informato siamo consapevoli quanto questa condizione possa essere dura da accettare e ti supportiamo lungo tutto il viaggio della genitorialità. Lo facciamo con le nostre guide, i nostri corsi e consulenze mirate.

Ricorda, durante questo viaggio non sarete mai soli, noi siamo con voi.

Fonti

1. Jessen ML, Öberg S, Rosenberg J. Treatment Options for Abdominal Rectus Diastasis. Front Surg. 2019 Nov 19;6:65. doi: 10.3389/fsurg.2019.00065. PMID: 31803753; PMCID: PMC6877697.
2. https://www.diastasiaddominale.com/
Articolo aggiornato il 21 Novembre 2023

Dott.ssa Claudia Denti

Esperta di Educazione, Sonno e Gestione del bambino. Laureata in Scienze dell'Educazione e Formazione, si occupa di aiutare i genitori a crescere bambini sani e felici secondo principi validati dalla comunità scientifica. Fondatrice di Genitore Informato e ideatrice del metodo Sonno Felice - certificata Sonno Sicuro e Primo Soccorso Pediatrico - supporta i genitori nel loro viaggio dal 2014.

Dott. Severino Cirillo

Esperto di Salute, Benessere ed Educazione. Laureato in Community Health, è il CEO di Genitore Informato e si occupa di validare l'informazione scientifica del blog e coordinare il team di esperti della redazione, composto da ginecologi, ostetriche, psicoterapeuti e altre figure del benessere e della salute in gravidanza, perinatale e genitoriale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}