fbpx

Endometrio trilaminare: è un problema?

di Severino Cirillo, Novembre 3, 2023

Nell’articolo di oggi affronteremo un argomento molto importante per le donne che cercano di concepire: l’endometrio trilaminare. Attraverso una breve serie di domande e risposte, speriamo di fornirti le informazioni necessarie per capire meglio questo fenomeno.

Quando si ha l’endometrio trilaminare?

L’endometrio trilaminare è una fase specifica del ciclo mestruale di una donna. Solitamente, questa fase si verifica intorno al 14° giorno del ciclo, coincidente con la fase di ovulazione.

Durante questa fase, l’endometrio, che è il rivestimento interno dell’utero, assume un aspetto trilaminare, ovvero è composto da tre strati distinte. Questo cambiamento si verifica per preparare l’utero a ricevere un ovulo fecondato.

Nella valutazione ecografica, l’endometrio trilaminare viene normalmente osservato durante la fase di stimolazione ovarica di una procreazione assistita, in cui le ovaie producono estrogeni che ispessiscono progressivamente l’endometrio. L’obiettivo delle terapie è infatti di ottenere un endometrio di almeno 7 mm con un aspetto trilaminare, ovvero organizzato ecograficamente in tre strisce alternate chiare e scure.

Quanti giorni dura l’endometrio trilaminare?

L’endometrio trilaminare dura generalmente per un breve periodo di tempo, da 1 a 3 giorni. Durante questo periodo, se avviene la fecondazione, l’ovulo fecondato può impiantarsi nell’endometrio e iniziare a svilupparsi. Se la fecondazione non si verifica, l’endometrio si sfalda e viene espulso durante il ciclo mestruale e allora iniziano le perdite rosse a cui siamo abituate.

endometrio trilaminare

Come deve essere l’endometrio per rimanere incinta?

L’endometrio deve essere sano e di uno spessore adeguato per favorire l’impianto di un ovulo fecondato. L’aspetto trilaminare è un segnale positivo, perché indica che l’endometrio è nel suo stadio più ricettivo.

L’endometrio trilaminare è considerato l’ideale per l’implantazione, con uno spessore che varia da 7 a 14 millimetri. Se l’endometrio è troppo sottile o troppo spesso, potrebbe essere più difficile per l’ovulo impiantarsi e quindi rendere più difficile l’inizio di una gravidanza.

Com’è l’endometrio durante l’ovulazione?

Durante l’ovulazione, l’endometrio è nel suo stato più ricettivo. Assume un aspetto trilaminare e raggiunge uno spessore ideale per l’impianto di un ovulo fecondato. Durante questo periodo, l’endometrio produce anche una sorta di muco che aiuta gli spermatozoi a raggiungere l’ovulo. Avere perdite bianche in questo periodo potrebbe essere normale, ma anche un segno di inizio gravidanza. L’unico modo per sapere se siamo rimaste incinte, senza usare inutili metodi della nonna, è effettuare un test di gravidanza.

Quanto deve essere l’endometrio prima del ciclo?

L’endometrio ha diversi spessori a seconda delle fasi del ciclo mestruale. Nella fase proliferativa, che segue le mestruazioni e coincide con la fase follicolare, lo spessore dell’endometrio va dai 5 agli 11 millimetri.

Successivamente si entra nella fase secretiva, corrispondente alla fase luteale, in cui il progesterone induce ulteriori cambiamenti nell’endometrio che continua ad ispessirsi e arricchirsi di vasi e ghiandole. In questa fase l’endometrio raggiunge uno spessore medio di 12-13 millimetri, ideale per l’impianto e l’alimentazione dell’embrione.

Se non si verifica il concepimento, si verifica un calo di estrogeni e progesterone e l’endometrio si sfalda causando il flusso mestruale. In questa fase mestruale, lo spessore dell’endometrio si riduce a 2-4 millimetri.

In generale, si considera normale uno spessore endometriale inferiore a 14 millimetri, indipendentemente dalla fase del ciclo. Il monitoraggio dello spessore dell’endometrio è fondamentale in caso di infertilità di coppia e durante trattamenti di fecondazione assistita.

Noi siamo con te.

Ricapitolando, l’endometrio trilaminare rappresenta una fase cruciale del ciclo mestruale di una donna, durante la quale l’utero è preparato per accogliere un possibile ovulo fecondato. Ricordiamo che ogni donna è unica e che le fasi del ciclo possono variare. Se hai dubbi o preoccupazioni relative alla tua fertilità, ti invitiamo a consultare un medico o un professionista sanitario.

Noi di Genitore Informato saremo sempre al tuo fianco lungo il viaggio della genitorialità, dal periodo fertile, al preparto, alla vita con il bambino. Lo facciamo con le nostre community, le nostre guide e corsi e le nostre consulenze personalizzate, con le quali ti aiutiamo ad affrontare dei momenti specifici.

Dott.ssa Claudia Denti

Esperta di Educazione, Sonno e Gestione del bambino. Laureata in Scienze dell'Educazione e Formazione, si occupa di aiutare i genitori a crescere bambini sani e felici secondo principi validati dalla comunità scientifica. Fondatrice di Genitore Informato e ideatrice del metodo Sonno Felice - certificata Sonno Sicuro e Primo Soccorso Pediatrico - supporta i genitori nel loro viaggio dal 2014.

Dott. Severino Cirillo

Esperto di Salute, Benessere ed Educazione. Laureato in Community Health, è il CEO di Genitore Informato e si occupa di validare l'informazione scientifica del blog e coordinare il team di esperti della redazione, composto da ginecologi, ostetriche, psicoterapeuti e altre figure del benessere e della salute in gravidanza, perinatale e genitoriale.

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}