fbpx

Funghi in svezzamento: sono davvero vietati?

di Severino Cirillo, Marzo 18, 2024

Il mondo della genitorialità è costellato di miti e credenze, uno di questi riguarda l’assunzione di funghi in svezzamento.

Questa indicazione, infatti, sembra venga data solo in Italia.

Come fanno, negli altri Paesi, a sopravvivere? Il motivo è presto detto: è probabilmente stato un errore di interpretazione di un documento specifico, poi tramandato anche da molti professionisti.

I primi a far notare questa incongruenza sono stati i bravi professionisti di Uppa.

Cerchiamo dunque di capire perché vi è questo divieto e se in realtà possiamo dare i funghi ai nostri bambini.

Funghi in svezzamento vietati solo in Italia?

L’indicazione di evitare i funghi nei bambini sotto i 12 anni appare come un caso piuttosto unico, considerando che non esistono direttive simili in altri Paesi.

funghi in svezzamento

La letteratura internazionale, infatti, non solo non proibisce il consumo di funghi nei più piccoli ma, in alcuni casi, lo incoraggia come parte di una dieta equilibrata, ricca di minerali, antiossidanti e vitamine.

Si trovano infatti in molti documenti ufficiali USA, in Canada, in Francia e nel Regno Unito: i funghi trovano spazio nelle linee guida alimentari per l’infanzia, sia come ingrediente di ricette salutari che come alimento da introdurre dopo i primi mesi di vita.

Da dove arriva questo divieto?

Dunque, come si è arrivati a tale indicazione in Italia? Analizzando le fonti, spesso si riconduce il divieto a documenti informativi focalizzati sui rischi legati al consumo di funghi selvatici.

L’origine di questo divieto potrebbe infatti derivare da una specifica citazione di un opuscolo del ministero della Salute.

Quest’opuscolo, però parla di linee guida che riguardano i funghi selvatici e consiglia di non somministrare i funghi ai bambini e ad altre categorie fragili.

L’attenzione, sembra dunque derivare da un approccio prudenziale verso le specie non coltivate, che non riflette necessariamente una contrarietà all’uso di funghi sicuri disponibili in commercio.

Quando introdurre i funghi nello svezzamento?

Il divieto italiano di somministrare funghi ai bambini sotto i 12 anni sembra dunque basarsi più su un approccio estremamente precauzionale e specifico sui funghi selvatici, piuttosto che su una comprovata difficoltà metabolica.

Da diversi esperti vengono comunque spesso citate molecole come il mannitolo che non sarebbero ben digerite dal sistema endocrino del bambino.

Tuttavia, è importante distinguere tra le legittime precauzioni verso prodotti non certificati e la realtà nutritiva dei funghi coltivati, che possono arricchire l’alimentazione dei bambini con i loro benefici.

La nutrizione è uno dei pilastri di una vita in salute, sia dei bambini che di noi adulti ed è fondamentale trattarla con attenzione e con metodo scientifico. In questo modo, conoscendo bene l’argomento, sapremo prendere le giuste decisioni e approcciare anche gli incontri con gli esperti con un buon livello di preparazione.

Infatti, per quanto tu possa conoscere bene un argomento, la cosa migliore, specialmente quando si parla della tua salute e quella di tuo figlio, è affidarsi alle giuste figure di riferimento, come il pediatra e il nutrizionista pediatrico.

Funghi sicuri e Come Introdurli nella Dieta dei Bambini

Sebbene il dibattito sui funghi e i bambini abbia portato alla luce diverse opinioni, è cruciale riconoscere l’importanza di introdurre questo alimento nella dieta dei più piccoli con cognizione di causa. I funghi coltivati, come champignon, porcini e shiitake, offrono un vasto assortimento di nutrienti essenziali, tra cui vitamina D, selenio, potassio e fibre. L’introduzione dei funghi nella dieta dei bambini dovrebbe quindi avvenire gradualmente, tenendo conto della provenienza e della qualità del prodotto.

Consigli per la preparazione dei funghi in svezzamento

Quando si introducono i funghi nella dieta dei bambini, la sicurezza alimentare è fondamentale. I funghi dovrebbero essere ben lavati e cotti nella maniera corretta per garantire la distruzione di eventuali batteri nocivi e per neutralizzare alcune tossine tipiche di questo prodotto. La preparazione può variare da ricette semplici come omelette arricchite con funghi a piatti più elaborati come risotti o pasta con sugo di funghi, sempre prestando attenzione a tagliarli in pezzi adatti all’età del bambino per evitare problemi di soffocamento (ricorda sempre di partecipare a un corso di disostruzione).

Ascoltare i Segnali del Bambino

È importante prestare attenzione a come il bambino reagisce all’introduzione di nuovi alimenti, inclusi i funghi. Sebbene le reazioni avverse siano rare, ogni bambino è unico e potrebbe avere sensibilità diverse. Consultare il tuo pediatra per consigli personalizzati è sempre una buona pratica. Tieni comunque presente, che molti pediatri italiani continuano ad offrire questo divieto e potrebbero darti spiegazioni più approfondite sul perché, e tu potrai comunque decidere il da farsi.

Noi siamo con te.

Noi di Genitore Informato siamo al tuo fianco lungo tutta la vita da genitore, dal periodo fertile, al preparto, alla vita con i bambini. Ti supportiamo attraverso le nostre guide e i nostri corsi e siamo al tuo fianco anche con le consulenze personalizzate per aiutarti nella tua vita quotidiana. Non sarete mai soli, noi siamo con voi.

Fonti

1. USDA Food Patterns for Children Younger than Age 24 Months 
2. UPPA. Funghi ai bambini: è giusto vietarli fino a 12 anni? disponibile a https://www.uppa.it/funghi-ai-bambini/
3. NHS Foundation Trust Five Day Meal Planner-Issue 3
4. Government of Canada Nutrition for Healthy Term Infants: Recommendations from Six to 24 Months 
5. Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria Dossier Scientifico delle Linee Guida per una sana alimentazione

Dott.ssa Claudia Denti

Esperta di Educazione, Sonno e Gestione del bambino. Laureata in Scienze dell'Educazione e Formazione, si occupa di aiutare i genitori a crescere bambini sani e felici secondo principi validati dalla comunità scientifica. Fondatrice di Genitore Informato e ideatrice del metodo Sonno Felice - certificata Sonno Sicuro e Primo Soccorso Pediatrico - supporta i genitori nel loro viaggio dal 2014.

Dott. Severino Cirillo

Esperto di Salute, Benessere ed Educazione. Laureato in Community Health, è il CEO di Genitore Informato e si occupa di validare l'informazione scientifica del blog e coordinare il team di esperti della redazione, composto da ginecologi, ostetriche, psicoterapeuti e altre figure del benessere e della salute in gravidanza, perinatale e genitoriale.

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}