fbpx

Gennaio 31, 2024

Nell’articolo di oggi affrontiamo un tema molto particolare e profondo: la matrescenza. Sebbene questo termine possa sembrare nuovo a molti, rappresenta un’esperienza universale tra le madri di tutto il mondo. Attraverso questo articolo, esploreremo insieme cosa significa realmente la matrescenza, affrontando le sue sfide, le sue gioie e tutto ciò che comporta questo straordinario viaggio di trasformazione.

Che cos’è la matrescenza?

La matrescenza è un termine coniato per descrivere il processo di diventare madre, paragonabile alla pubertà per i cambiamenti fisici, psicologici ed emotivi che comporta. Questo periodo di transizione non riguarda solo il momento del parto, ma inizia già durante la gravidanza e continua per molti anni dopo la nascita del bambino. Durante la matrescenza, una donna attraversa profonde trasformazioni che influenzano la sua identità, le sue relazioni, la sua carriera e la sua percezione di sé.

Nonostante la matrescenza sia una fase naturale e universale, è spesso sottovalutata o ignorata dalla società. Molti ritengono erroneamente che diventare madre sia un processo istantaneo e che le donne dovrebbero adattarsi senza difficoltà a questa nuova realtà. Tuttavia, la matrescenza, proprio come ogni altra fase di crescita, richiede tempo, pazienza e supporto. Non a caso, moltissime donne, hanno problemi durante questo percorso di transizione, dove hanno a che fare con sfide enormi come l’allattamento e depressione post partum. Come avrai capito, la varietà e difficoltà delle sfide è incredibile.

La Trasformazione dell’identità

Una delle sfide più significative della matrescenza è la trasformazione dell’identità. La donna si trova a dover riconciliare la propria immagine pre-maternità con quella di madre, spesso sentendosi persa tra questi due estremi. È comune che le madri si sentano invisibili o trascurate, come se la società riconoscesse solo il loro ruolo di genitore, trascurando gli altri aspetti della loro persona. Per questo periodo abbiamo un percorso apposta, che si chiama Mamma Pro e ti permette di conciliare queste due figure e ritrovarti.

Questo cambiamento di identità può portare a sentimenti di solitudine e incomprensione, specialmente se non ci sono spazi sicuri in cui esprimere questi dubbi ed emozioni. È fondamentale quindi che le madri trovino una comunità di supporto, che possa offrire ascolto, comprensione e condivisione delle proprie esperienze di matrescenza.

Impatto sulla carriera e ambizioni personali

Un altro aspetto importante della matrescenza è il suo impatto sulla carriera e sulle ambizioni personali. Molte donne si trovano a dover bilanciare il desiderio di essere presenti per i loro figli con la necessità o il desiderio di continuare a perseguire i propri obiettivi professionali. Questo equilibrio è spesso fonte di stress e sensi di colpa, poiché la società tende a imporre aspettative irrealistiche sulle madri lavoratrici, specialmente nel nostro paese.

La chiave per gestire questo aspetto della matrescenza sta nell’essere gentili con se stesse e nel ricercare soluzioni flessibili che permettano di conciliare le diverse sfere della propria vita. È anche importante ricordare che le ambizioni e i sogni non devono essere abbandonati, ma possono semplicemente assumere forme diverse.

Le sfide fisiche e psicologiche

La matrescenza comporta anche significativi cambiamenti fisici e psicologici. Dopo il parto, il corpo della donna deve riprendersi non solo dal processo di gravidanza e parto ma anche adattarsi alla nuova routine di cura del bambino. Questo può portare a stanchezza, cambiamenti ormonali e, in alcuni casi, a condizioni più gravi come la depressione post-partum.

Dal punto di vista psicologico, le madri possono sperimentare un’ampia gamma di emozioni, dall’euforia per la nuova vita creata alla paura di non essere all’altezza. È cruciale riconoscere che queste sensazioni sono normali e cercare supporto quando necessario, sia esso professionale o attraverso la propria rete di sostegno.

La relazione di coppia e la matrescenza

La matrescenza influisce anche sulla relazione di coppia. La nascita di un bambino può portare grandi gioie, ma anche stress e tensioni, soprattutto se non ci si prepara adeguatamente a gestire i cambiamenti che questa nuova fase comporta. La comunicazione aperta e onesta tra i partner è fondamentale per navigare insieme le sfide della genitorialità, mantenendo solido il legame di coppia. Abbiamo una masterclass dedicata proprio a questa sfida specifica.

Incoraggiare il coinvolgimento del partner nella cura del bambino, condividere le proprie emozioni e aspettative, e cercare momenti di intimità e connessione possono aiutare a rafforzare la relazione durante la matrescenza.

Il ruolo del supporto sociale

Il supporto sociale gioca un ruolo cruciale nella matrescenza. Avere una rete di amici, familiari e professionisti che offrano sostegno emotivo e pratico può fare la differenza nel vissuto di una madre. Questo supporto può venire sotto forma di ascolto, aiuto nelle faccende domestiche o semplicemente nella condivisione di esperienze simili.

Le comunità online e i gruppi di supporto possono essere risorse preziose per le madri che si sentono isolate o che cercano consigli e comprensione. È importante circondarsi di persone che riconoscono il valore della matrescenza e che sono disposte a offrire il loro sostegno.

Noi siamo con te.

Noi di Genitore Informato siamo qui per supportarti lungo il viaggio della genitorialità, dal periodo fertile, al preparto, alla vita con i bambini. Lo facciamo con i nostri corsi, le guide e le consulenze personalizzate. Ricorda, non sarete mai soli, noi siamo con voi.

Fonti

Orchard ER, Rutherford HJV, Holmes AJ, Jamadar SD. Matrescence: lifetime impact of motherhood on cognition and the brain. Trends Cogn Sci. 2023 Mar;27(3):302-316. doi: 10.1016/j.tics.2022.12.002. Epub 2023 Jan 4. Erratum in: Trends Cogn Sci. 2023 Oct;27(10):974. PMID: 36609018; PMCID: PMC9957969.

Dott.ssa Claudia Denti

Laureata in Scienze dell’Educazione, si occupa di aiutare i genitori a crescere bambini sani e felici secondo principi validati dalla comunità scientifica.
Fondatrice di Genitore Informato e ideatrice del metodo Sonno Felice - certificata Sonno Sicuro e Primo Soccorso Pediatrico - supporta i genitori nel loro viaggio dal 2014.

Dott. Severino Cirillo

Laureato in Community Health, è il CEO di Genitore Informato e si occupa di validare l'informazione scientifica del blog e coordinare il team di esperti della redazione, composto da ginecologi, ostetriche, psicoterapeuti e altre figure del benessere e della salute in gravidanza, perinatale e genitoriale.

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}