fbpx

Quando iniziano a vedere i neonati?

di Claudia Denti, Marzo 18, 2024

Il mondo dei neonati può sembrare misterioso e affascinante, spesso sospeso tra il sonno e la veglia, fatto di scoperte quotidiane e piccoli cambiamenti. Uno degli aspetti che incuriosisce di più riguarda la vista e la percezione visiva: quando iniziano a vedere i neonati? In questo articolo cercheremo di rispondere a queste domande, sfruttando le conoscenze scientifiche più recenti.

Quando iniziano a vedere i neonati? Nella pancia.

Quando cominciano a vedere i neonati? Già nel grembo materno, lo sviluppo visivo inizia e, al termine della gravidanza, i neonati possono vedere a una distanza ottimale di 20-25 cm perché il loro punto di fuoco è ancora troppo “vicino” rispetto a quello di un adulto non miope o con altri difetti visivi. Riconoscono il volto materno poche ore dopo la nascita, e interagire con loro attraverso lo sguardo stimola la loro attenzione e la motilità oculare.

Durante la gestazione, le palpebre si formano già alla decima settimana e si aprono dalla ventiseiesima. Un feto pretermine può rispondere alla luce già a questa età, e nei mesi successivi sviluppa ulteriormente la capacità visiva, incluso il riconoscimento del colore rosso.

Dopo due mesi dalla nascita, i neonati iniziano a discriminare alcuni colori, migliorando notevolmente la distinzione entro i 3-4 anni. A 3 mesi, i bambini associano voci a volti e mostrano interesse per oggetti circostanti, volendo essere sollevati per esplorare.

È normale osservare un temporaneo strabismo nei primi mesi; se persiste oltre 4-5 mesi, è meglio consultare uno specialista. I pediatri, normalmente controllano il “riflesso rosso” alla nascita per escludere patologie oculari, insieme a molti esami tra cui gli indici di Apgar. I genitori noteranno che i neonati seguono volti e oggetti in movimento. Con il tempo, migliora anche la visione stereoscopica.

L’ambliopia, o “occhio pigro”, si verifica quando un occhio non sviluppa una corretta connessione visiva con il cervello. È cruciale riconoscerla nei primi anni di vita. Se diagnosticata, si useranno bendaggi o lenti speciali per stimolare l’occhio “pigro”. Diagnosi e intervento precoce sono fondamentali perché poi il recupero diventa difficile dopo i 6 anni.

Cosa vede neonato di 1 mese?

Nei primi giorni di vita, un neonato vede i contorni delle figure e riconosce le luci forti e i contrasti. Non è in grado di percepire molti dettagli, ma più le forme e i movimenti. Tuttavia, già intorno al primo mese di vita, il bambino inizia a sviluppare una maggiore consapevolezza visiva. Il suo campo visivo si espande e la sua vista diventa un po’ più nitida. Inizia a riconoscere i volti delle persone, almeno in parte. Tuttavia, ciò che cattura la sua attenzione sono le espressioni facciali, che iniziano a stimolare la sua empatia e la sua capacità di comunicare.

Cosa vedono i neonati a 20 giorni?

Come avrai intuito, i neonati a 20 giorni hanno una vista ancora più limitata. La loro percezione visiva si concentra essenzialmente sui colori ad alto contrasto, come il bianco e il nero, e su forme geometriche semplici.

Tuttavia, anche a questa età, i neonati mostrano già un interesse particolare per i volti umani. La ricerca ha dimostrato che i neonati preferiscono guardare i volti rispetto ad altri oggetti o forme. Questo suggerisce chiaramente che i neonati sono predisposti a interagire con gli altri e a costruire legami sociali (anche perché è il loro unico modo per sopravvivere, dipendere dagli altri)

Quando il neonato inizia a riconoscere la mamma?

La ricerca è abbastanza discordante a riguardo. Se in qualche modo è dimostrato che i neonati riconoscono la mamma già dalle prime ore, questa capacità viene spalmata da diversi studi sui primi quattro mesi. Questa questione ovviamente non è solo legata alla vista, ma anche all’olfatto, all’udito e al livello di consapevolezza, che in questo momento della vita è molto basso. Il neonato riconosce senza dubbio l’odore della mamma e la sua voce, che ha ascoltato per mesi mentre era ancora nel ventre.

Intorno al terzo mese, il neonato inizia a mostrare un legame più profondo con la mamma. Comincia a sorridere quando la vede e a cercare il suo contatto visivo. Questo è un momento molto importante per la formazione del legame madre-figlio.

quando iniziano a vedere i neonati

Quando si vede il colore degli occhi di un neonato?

Il colore definitivo degli occhi di un neonato si stabilizza intorno ai 9-12 mesi. All’inizio, molti neonati hanno gli occhi di un colore grigio-bluastro, indipendentemente dal loro colore definitivo. Questo perché la melanina, il pigmento che determina il colore degli occhi, non si è ancora completamente depositata nell’iride.

Tuttavia, intorno al terzo mese di vita, gli occhi del neonato iniziano a cambiare colore. Questo processo può durare fino a un anno. Il colore definitivo degli occhi può essere molto diverso da quello che si vedeva nei primi mesi di vita.

Come avrai capito, la vista dei neonati si sviluppa progressivamente – anche perché vedere bene è una questione strutturale dell’occhio, del nervo ottico e della corteccia visiva – passando da una percezione molto limitata a un riconoscimento più preciso delle forme, dei colori e dei movimenti. È un processo affascinante che accompagna la crescita del bambino e la formazione delle sue relazioni sociali. Ricordati sempre di consultare un oculista se hai qualche dubbio o preoccupazione sulla vista del tuo neonato.

Noi siamo con te.

Noi di Genitore Informato siamo sempre al tuo fianco lungo tutto questo magnifico viaggio, dal periodo fertile, al preparto, alla vita col bambino. Ti supportiamo con tutti i nostri materiali gratuiti, il nostro gruppo, le nostre guide e i corsi e le consulenze personalizzate.

Non sarete mai soli, noi siamo con voi.

Fonti

Hyvärinen L, Walthes R, Jacob N, Chaplin KN, Leonhardt M. Current Understanding of What Infants See. Curr Ophthalmol Rep. 2014;2(4):142-149. doi: 10.1007/s40135-014-0056-2. PMID: 25478306; PMCID: PMC4243010.

Dott.ssa Claudia Denti

Esperta di Educazione, Sonno e Gestione del bambino. Laureata in Scienze dell'Educazione e Formazione, si occupa di aiutare i genitori a crescere bambini sani e felici secondo principi validati dalla comunità scientifica. Fondatrice di Genitore Informato e ideatrice del metodo Sonno Felice - certificata Sonno Sicuro e Primo Soccorso Pediatrico - supporta i genitori nel loro viaggio dal 2014.

Dott. Severino Cirillo

Esperto di Salute, Benessere ed Educazione. Laureato in Community Health, è il CEO di Genitore Informato e si occupa di validare l'informazione scientifica del blog e coordinare il team di esperti della redazione, composto da ginecologi, ostetriche, psicoterapeuti e altre figure del benessere e della salute in gravidanza, perinatale e genitoriale.

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}