fbpx

Quinta Malattia: Come Riconoscerla e Curarla?

di Severino Cirillo, Aprile 2, 2024

Il tuo bambino ha preso la quinta malattia e non sai cosa fare? In questo articolo parliamo di quanto dura lo sfogo della quinta malattia, che differenza c’è con la sesta malattia, come alleviare il prurito, quali sono invece i sintomi della scarlattina e come capire in genere se è una malattia esantematica.

Cos’è la quinta malattia?

La quinta malattia, tecnicamente conosciuta come Erythema infectiosum, è una comune malattia infantile.

Conosciuta anche come malattia “della guancia schiaffeggiata”, è causata dal Parvovirus B19.

Si chiama così perché è stata la quinta malattia esantematica (quindi una malattia con eruzione cutanea) ad essere identificata e studiata, dopo il morbillo, la scarlattina, la rosolia e la quarta malattia o morbo di Dukes.

quinta malattia

Quanto dura lo sfogo della quinta malattia?

Una volta che inizia, l’eruzione cutanea della quinta malattia può durare da 1 a 3 settimane.

Di solito inizia con un’eruzione rossa sul viso, che può assomigliare al segno di schiaffi sulle guance.

Dopo un paio di giorni, l’eruzione cutanea può estendersi al tronco, alle braccia e alle gambe.

Tuttavia, la durata dello sfogo può variare da bambino a bambino, e in alcuni casi, può durare fino a sei settimane, soprattutto è sotto stress o ha altre condizioni sottostanti.

Ecco una piccola tabella con i sintomi della quinta malattia e la loro cronologia approssimativa:

FaseSintomiCronologia
Fase inizialeFebbre lieve, maestri di 10, dolori articolari1-2 giorni prima dell’eruzione cutanea
Fase eruttivaEruzione cutanea rossa sulle guance (aspetto di “schiaffo”), quindi su braccia, gambe e tronco1-4 giorni dopo l’eruzione delle guance
Fase di remissioneEruzione cutanea assume aspetto maculopapulare e poi si attenua7-10 giorni dopo l’eruzione cutanea

Che differenza c’è tra quinta e sesta malattia?

La quinta e la sesta malattia sono due malattie esantematiche distinte, entrambe comuni nei bambini.

La quinta malattia è causata dal Parvovirus B19 e si manifesta come abbiamo detto con un’eruzione cutanea rossa sulle guance, braccia e gambe.

D’altra parte, la sesta malattia, conosciuta anche come Esantema Subitum o Rosolia, è causata dal virus dell’herpes tipo 6B o 7 e si manifesta con febbre alta seguita da un’esantema.

Come alleviare prurito quinta malattia?

Se tuo figlio avverte prurito a causa dell’eruzione cutanea della quinta malattia, ci sono diversi rimedi che possono aiutare.

Un bagno tiepido con farina d’avena colloidale o bicarbonato di sodio può aiutare a lenire il prurito.

I vestiti leggeri e traspiranti possono anche aiutare a mantenere la pelle fresca e ad evitare ulteriori irritazioni.

In ogni caso, senti il pediatra e saprà consigliarti delle soluzioni adatte alla situazione specifica del tuo bambino.

Come si cura quinta malattia?

La quinta malattia, di solito, non richiede un trattamento specifico.

Tuttavia, se tuo figlio ha febbre o dolore, ibuprofene o paracetamolo possono aiutare (naturalmente sarà il pediatra a consigliarti qual è la soluzione migliore e in quali casi).

È importante ricordare, però, che l’aspirina non deve essere usata nei bambini o negli adolescenti a causa del rischio della Sindrome di Reye, una rara ma grave condizione.

Come per molte altre malattie dell’infanzia, le uniche cose da fare sono prevenirla quando possibile, fermare il contagio e attendere il decorso naturale.

Come capire se è una malattia esantematica?

Le malattie esantematiche sono caratterizzate da un’eruzione cutanea o esantema.

Se tuo figlio ha un’eruzione cutanea insieme a febbre o altri sintomi, potrebbe avere una malattia esantematica.

Tuttavia, l’esantema può variare notevolmente tra le diverse malattie, quindi è importante consultare un medico per una diagnosi corretta.

Riepilogo

La Quinta Malattia è contagiosa?

La risposta è affermativa: chi è affetto dalla quinta malattia può effettivamente diffondere questa infezione ad un altro individuo sano.

Modalità di trasmissione della Quinta Malattia

Un individuo può contrarre la quinta malattia, causata dal Parvovirus B19, attraverso vari modi di trasmissione da una persona contagiata a una sana, inclusi:

  • L’inalazione di goccioline di saliva provenienti da una persona infetta, che possono essere rilasciate durante starnuti, tosse o conversazioni (questo è il caso delle secrezioni respiratorie).
  • Il contatto con superfici che sono state toccate da una persona infetta, seguito dall’eventuale tocco delle proprie mucose (occhi, bocca, naso).
  • L’esposizione diretta al sangue o ai tessuti di una persona che ha contratto l’infezione.
    È importante sottolineare anche il rischio di trasmissione della malattia durante la gravidanza, dalla madre al bambino attraverso la placenta (trasmissione ematoplacentare).

Periodo di contagiosità della Quinta Malattia

La fase durante la quale una persona affetta dalla quinta malattia è contagiosa inizia prima che i sintomi si manifestino, cioè durante il periodo di incubazione della malattia, e si estende fino all’emergere dei primi segni visibili, come l’eritema cutaneo.

Successivamente, il rischio di contagio diminuisce rapidamente fino a scomparire completamente.

Noi siamo con te.

Noi di Genitore Informato siamo qui per guidarti attraverso le sfide della genitorialità. Lo facciamo attraverso le nostre guide, i nostri corsi e consulenze personalizzate per aiutarti a diventare il genitore che desideri essere.

Fonti

Kostolansky S, Waymack JR. Erythema Infectiosum. [Updated 2023 Jul 31]. In: StatPearls [Internet]. Treasure Island (FL): StatPearls Publishing; 2024 Jan-. Available from: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK513309/

Dott.ssa Claudia Denti

Esperta di Educazione, Sonno e Gestione del bambino. Laureata in Scienze dell'Educazione e Formazione, si occupa di aiutare i genitori a crescere bambini sani e felici secondo principi validati dalla comunità scientifica. Fondatrice di Genitore Informato e ideatrice del metodo Sonno Felice - certificata Sonno Sicuro e Primo Soccorso Pediatrico - supporta i genitori nel loro viaggio dal 2014.

Dott. Severino Cirillo

Esperto di Salute, Benessere ed Educazione. Laureato in Community Health, è il CEO di Genitore Informato e si occupa di validare l'informazione scientifica del blog e coordinare il team di esperti della redazione, composto da ginecologi, ostetriche, psicoterapeuti e altre figure del benessere e della salute in gravidanza, perinatale e genitoriale.

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}