fbpx

Scatti Di Crescita: Come Sopravvivere?

di Claudia Denti, Luglio 12, 2024

Gli scatti di crescita sono una fase cruciale nello sviluppo dei neonati, ma possono essere fonte di preoccupazione per molti genitori.

In questo articolo esploreremo cosa sono gli scatti di crescita, quando avvengono, come riconoscerli e gestirli efficacemente.

Cos’è uno scatto di crescita?

Uno scatto di crescita è un periodo durante il quale un neonato cresce a un ritmo eccezionalmente rapido. Questi periodi riguardano sia la crescita fisica che lo sviluppo cognitivo e motorio.

Sono una parte completamente normale dello sviluppo infantile e indicano che il bambino sta crescendo e sviluppandosi come dovrebbe e normalmente durano pochi giorni.

Durante uno scatto di crescita:

  • Il bambino può aumentare significativamente di peso e statura
  • Si verificano importanti progressi nello sviluppo neurologico
  • Si possono osservare cambiamenti nel comportamento, nell’alimentazione e nel sonno

Secondo gli studi, quasi tutti i neonati attraversano fasi di crescita accelerata, con il 95% dei genitori che riporta di aver osservato almeno uno scatto di crescita nei primi 12 mesi di vita del bambino.

Cause fisiologiche degli scatti di crescita

Gli scatti di crescita sono il risultato di complessi processi fisiologici:

  1. Aumento della produzione dell’ormone della crescita
  2. Rapida moltiplicazione cellulare
  3. Sviluppo accelerato del sistema nervoso

Il cervello del neonato subisce cambiamenti drastici durante questi periodi, portando a una temporanea “disorganizzazione” che si manifesta attraverso vari comportamenti, un po’ più caotici di qualche giorno prima.

scatti di crescita

Quando avvengono gli scatti di crescita?

Sebbene ogni bambino sia unico, gli scatti di crescita tendono a verificarsi in momenti prevedibili. Ecco una tabella dettagliata:

EtàCaratteristiche principali
1-3 settimaneAdattamento al mondo esterno, aumento dell’appetito
6-8 settimaneMaggiore consapevolezza dell’ambiente, possibili cambiamenti nel sonno
3-4 mesiMiglioramento del controllo motorio, aumento della curiosità
6 mesiInizio dello svezzamento, sviluppo delle abilità motorie
9 mesiInsorgenza dell’ansia da separazione, maggiore mobilità

Questi momenti, come abbiamo detto coincidono con importanti tappe dello sviluppo neurologico e fisico del bambino.

Come si manifesta uno scatto di crescita?

Riconoscere uno scatto di crescita è fondamentale per gestirlo al meglio. Ecco i principali segnali:

  1. Variazione nei livelli di appetito, per esempio il bambino richiede poppate più frequenti o maggiori quantità di latte
  2. Maggiore irritabilità e irrequietezza con pianti inconsolabili o difficoltà a calmarsi
  3. Difficoltà con il sonno, con risvegli notturni più frequenti o difficoltà ad addormentarsi
  4. Maggiore necessità di contatto fisico
  5. Scatti di rabbia apparentemente immotivati
  6. Progressi improvvisi nelle abilità motorie o cognitive

Riporto qui sotto quello che mi ha detto una mamma in consulenza, che secondo me spiega benissimo cosa si prova durante uno scatto di crescita.

“A 3 mesi, Matteo sembrava sempre affamato. Allattavo continuamente e nonostante ciò era molto, ma molto più irritabile del solito. Questo caos è durato circa una settimana, poi tutto è tornato alla normalità.”

Come gestire gli scatti di crescita?

Gestire efficacemente uno scatto di crescita può fare la differenza nel benessere del bambino e dei genitori. Ecco alcune strategie:

Per bambini allattati al seno:

  • Aumentare la frequenza delle poppate
  • Assicurarsi che il bambino svuoti completamente il seno per stimolare la produzione di latte
  • Monitorare il numero di pannolini bagnati (5-6 al giorno con urine chiare è un buon segno)

Per bambini alimentati con latte artificiale:

  • Aumentare gradualmente la quantità di latte, seguendo le indicazioni del pediatra
  • Osservare attentamente i segnali di sazietà del bambino

Consigli generali:

  1. Mantenere la calma e la pazienza
  2. Creare un ambiente tranquillo e confortevole
  3. Aumentare il contatto fisico attraverso il babywearing o massaggi
  4. Mantenere le routine il più possibile, soprattutto quelle del sonno
  5. Chiedere aiuto a familiari o amici per avere momenti di riposo

Errori da evitare:

  • Non forzare l’alimentazione se il bambino mostra segni di sazietà
  • Evitare di introdurre alimenti solidi prima dei 6 mesi per “saziare” il bambino
  • Non trascurare il proprio benessere come genitore

Miti e verità sugli scatti di crescita

È importante sfatare alcuni miti comuni:

MitoVerità
Tutti gli scatti di crescita durano 3 giorniLa durata può variare da pochi giorni a una settimana
Gli scatti di crescita causano sempre un aumento di pesoNon sempre, a volte si manifestano con progressi cognitivi o motori
I bambini alimentati con latte artificiale non hanno scatti di crescitaTutti i bambini attraversano fasi di crescita accelerata

Differenze tra scatti di crescita e altri cambiamenti dello sviluppo

È importante distinguere gli scatti di crescita da altri fenomeni:

  • Salto di sviluppo, che è un progresso normale nelle abilità cognitive o motorie non necessariamente accompagnato da crescita fisica
  • Fase di regressione: temporaneo ritorno a comportamenti di una fase precedente dello sviluppo, spesso comunque in concomitanza o in periodi adiacenti a uno scatto di crescita.

Domande frequenti sugli scatti di crescita

Quanto dura uno scatto di crescita? Generalmente da 2 a 7 giorni, ma può variare da bambino a bambino.

Posso fare qualcosa per prevenirli? No, sono una parte naturale e necessaria dello sviluppo del bambino.

Gli scatti di crescita influenzano il sonno a lungo termine? Di solito no, i disturbi del sonno sono temporanei durante lo scatto di crescita.

Ovviamente, se la gestione è errata, può succedere che ci siano cambiamenti a lungo termine. A tal proposito, meglio gestire bene con il nostro Sonno Felice.

Noi siamo con te.

Se hai domande o preoccupazioni specifiche, non esitare a prenotare una consulenza personalizzata con i nostri esperti di Genitore Informato.

Ricordate, in questo viaggio non siete soli: noi siamo con voi ad ogni passo.

Fonti

1. Lampl M, Johnson ML. Infant growth in length follows prolonged sleep and increased naps. Sleep. 2011 May 1;34(5):641-50. doi: 10.1093/sleep/34.5.641. PMID: 21532958; PMCID: PMC3079944.
2. Karlberg J. The infancy-childhood growth spurt. Acta Paediatr Scand Suppl. 1990;367:111-8. PMID: 2220375.

Dott.ssa Claudia Denti

Esperta di Educazione, Sonno e Gestione del bambino. Laureata in Scienze dell'Educazione e Formazione, si occupa di aiutare i genitori a crescere bambini sani e felici secondo principi validati dalla comunità scientifica. Fondatrice di Genitore Informato e ideatrice del metodo Sonno Felice - certificata Sonno Sicuro e Primo Soccorso Pediatrico - supporta i genitori nel loro viaggio dal 2014.

Dott. Severino Cirillo

Esperto di Salute, Benessere ed Educazione. Laureato in Community Health, è il CEO di Genitore Informato e si occupa di validare l'informazione scientifica del blog e coordinare il team di esperti della redazione, composto da ginecologi, ostetriche, psicoterapeuti e altre figure del benessere e della salute in gravidanza, perinatale e genitoriale.

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}