fbpx

Agosto 31, 2023

Nell’articolo di oggi parliamo di una malattia che può essere difficile da riconoscere nei suoi stadi iniziali: la sclerosi multipla. Se hai cercato “sclerosi multipla sintomi iniziali” capiamo che potresti avere qualche preoccupazione. Cominciamo col dire che se ti stai preoccupando del tuo bambino, hai molte probabilità di poter stare tranquilla, ma insieme scopriremo dettagli importanti.

La sclerosi multipla è una malattia cronica del sistema nervoso centrale. È caratterizzata dalla degenerazione della mielina, la sostanza che riveste i neuroni e che facilita la trasmissione degli impulsi nervosi. Ma quali sono i sintomi iniziali della sclerosi multipla? Scopriamolo insieme.

A quale età si manifesta la sclerosi multipla?

La sclerosi multipla può manifestarsi a qualsiasi età. Tuttavia, la maggior parte dei casi viene diagnosticata tra i 15 e i 40 anni. È meno comune nei bambini e negli anziani, ma può comunque verificarsi. È una delle malattie croniche più comuni e, per fortuna, chi ne viene colpito adesso ha la possibilità di mantenere una qualità di vita molto più alta rispetto anche solo a qualche anno fa.

Sclerosi multipla sintomi iniziali: quali sono?

I sintomi iniziali della sclerosi multipla sono molto variabili, perché variano a seconda della zona del sistema nervoso centrale colpita. Tra i sintomi iniziali più comuni ci sono:

  • Stanchezza cronica
  • Problemi di equilibrio o di coordinazione
  • Difficoltà nella parola o nell’inghiottire
  • Intorpidimento o formicolio alle estremità
  • Problemi di vista, come offuscamento o doppia visione
  • Dolore muscolare e debolezza
sclerosi multipla sintomi iniziali

Cosa fa scatenare la sclerosi multipla?

La sclerosi multipla è una malattia complessa che, come indicano gli studi attuali, potrebbe essere influenzata da vari fattori. Tra questi rientrano l’ambiente in cui viviamo, la predisposizione genetica, l’etnia e la presenza di determinati agenti infettivi. Sebbene la ricerca sia in continua evoluzione e non sia ancora possibile identificare con certezza le cause esatte, esistono alcune ipotesi interessanti.

In termini ambientali, è noto che la sclerosi multipla sia più comune in alcune zone del globo. In particolare, sembra che l’incidenza della malattia aumenti allontanandosi dall’equatore, un fenomeno che potrebbe essere legato all’esposizione limitata alla luce solare e, quindi, alla vitamina D. Nonostante non sia ancora del tutto chiaro se l’assunzione di vitamina D possa prevenire la malattia, è stato confermato che bassi livelli di questa vitamina nel sangue potrebbero rappresentare un fattore di rischio.

Per quanto riguarda la genetica, è importante sottolineare che la sclerosi multipla non è una malattia ereditaria e non si trasmette direttamente da genitori a figli. Tuttavia, esistono studi che segnalano un’incidenza leggermente maggiore della malattia tra i membri della stessa famiglia. Nonostante ciò, l’incidenza rimane molto bassa, con un rischio di sviluppare la malattia solo leggermente superiore (3-5%) per i figli o fratelli di una persona con sclerosi multipla, rispetto a chi non ha parenti affetti.

Alcuni agenti infettivi, come virus e batteri, sono stati studiati come potenziali fattori scatenanti. Tra questi, il virus Epstein-Barr – noto per causare la mononucleosi – sembra avere un ruolo importante nello sviluppo della sclerosi multipla.

Infine, vi sono altri fattori che sono ancora sotto esame. Ad esempio, è emerso l’importante ruolo del fumo di sigaretta, non solo come possibile fattore che può contribuire all’insorgenza della malattia, ma anche come elemento in grado di accelerarne la progressione.

Quanti anni si vive con la sclerosi?

La sclerosi multipla non è una malattia che riduce significativamente l’aspettativa di vita. La maggior parte delle persone con sclerosi multipla può vivere una vita quasi normale in termini di durata, anche se la qualità della vita può essere compromessa dai sintomi. Per questo è importante intercettarla il più presto possibile per avere tutti i mezzi a disposizione per tamponare i sintomi e mantenere un’alta qualità di vita per il più lungo periodo possibile.

Quali sono le disabilità più comuni nei bambini?

I bambini con disabilità rappresentano un gruppo molto diversificato. Questo include bambini nati con una condizione genetica che influisce sul loro sviluppo fisico, mentale o sociale; quelli che hanno subito un grave trauma, carenza nutrizionale o infezione con conseguenze funzionali a lungo termine; o quelli esposti a tossine ambientali che hanno provocato ritardi nello sviluppo o difficoltà di apprendimento. I bambini con disabilità includono anche coloro che hanno sviluppato ansia o depressione a seguito di eventi di vita stressanti.

I bambini con disabilità possono avere esperienze di vita molto diverse in base all’interazione tra le loro specifiche menomazioni e l’ambiente in cui vivono. Bambini con condizioni simili possono sperimentare diverse limitazioni a seconda se l’ambiente fornisce adattamenti che riducono – o eliminano – le loro menomazioni. L’accesso a dispositivi di supporto, tecnologia e servizi, oltre all’esposizione a relazioni nutrici e a norme sociali positive, sono fondamentali per promuovere l’inclusione di tutti i bambini, indipendentemente dalle loro menomazioni o disturbi motori o dell’apprendimento. Ad esempio, i bambini con miopia che non hanno accesso a servizi diagnostici e occhiali avranno difficoltà a vedere, mentre coloro che hanno tale accesso non ne avranno (per questo è fondamentale prendersi cura della vista del bambino).

Noi siamo con te.

Noi di Genitore Informato siamo qui per fornirvi tutte le informazioni necessarie e per aiutarti a navigare attraverso le sfide che la genitorialità può presentare. Offriamo guide, corsi e consulenze personalizzate per aiutare voi e il vostro bambino a vivere una vita piena e gratificante, nonostante la malattia.

In conclusione, sebbene la sclerosi multipla sia una malattia cronica che può portare a disabilità a lungo termine, è possibile gestire i sintomi e mantenere una buona qualità di vita con le cure e il sostegno adeguati. Riconoscere i sintomi precoci può aiutare a ottenere una diagnosi e a iniziare il trattamento il più presto possibile. Ricordatevi, non siete soli. Siamo qui per voi.

Dott.ssa Claudia Denti

Laureata in Scienze dell’Educazione, si occupa di aiutare i genitori a crescere bambini sani e felici secondo principi validati dalla comunità scientifica.
Fondatrice di Genitore Informato e ideatrice del metodo Sonno Felice - certificata Sonno Sicuro e Primo Soccorso Pediatrico - supporta i genitori nel loro viaggio dal 2014.

Dott. Severino Cirillo

Laureato in Community Health, è il CEO di Genitore Informato e si occupa di validare l'informazione scientifica del blog e coordinare il team di esperti della redazione, composto da ginecologi, ostetriche, psicoterapeuti e altre figure del benessere e della salute in gravidanza, perinatale e genitoriale.

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}