fbpx

Sindrome di Asperger: esiste ancora?

di Severino Cirillo, Febbraio 19, 2024

In questo articolo esploreremo la sindrome di Asperger, un disturbo dello spettro autistico, cercando di comprendere le sfumature del comportamento, delle caratteristiche personali, delle differenze rispetto ad altri disturbi dello spettro, e degli aspetti della vita adulta, sessuale e percettiva.

Asperger non è più una diagnosi?

Dal momento dell’adozione del DSM-5 nel 2013, la Sindrome di Asperger è stata classificata come parte dei Disturbi dello Spettro Autistico. Nonostante ciò, la definizione di “Sindrome di Asperger” rimane di rilevante utilità per determinare il grado di funzionalità e l’entità delle difficoltà associate allo spettro autistico e alle neurodivergenze.

Dai cinque anni di età, momento in cui si prevede l’evolversi di abilità sociali sempre più elaborate nei bambini, il clinico ha la possibilità di riconoscere la presenza di caratteristiche ascrivibili alla Sindrome di Asperger all’interno del più ampio contesto di diagnosi dello spettro autistico.

Questo consente di orientarsi verso approcci terapeutici più specifici e efficaci. Nel pensiero collettivo, spesso la figura dell’individuo con Sindrome di Asperger è erroneamente stereotipata, descrivendolo come una persona emozionalmente distaccata o come un genio eccentrico e malinteso. È vitale riconoscere che coloro che hanno una diagnosi di disturbo dello spettro autistico, compresa la Sindrome di Asperger, presentano un’ampia varietà di livelli di intelligenza, competenze, forze e vulnerabilità, al pari di qualsiasi altra persona.

Come si comporta una persona con la sindrome di Asperger?

La Sindrome di Asperger indica un particolare modo di percepire il mondo, di apprendere, di relazionarsi e di sperimentare le emozioni, rappresentando un aspetto intrinseco dell’individuo che non dovrebbe essere ridotto a semplici cliché limitanti. La vera sfida consiste nel superare questi stereotipi profondamente incastonati nella nostra cultura, dato che spesso il dolore non scaturisce dalla condizione in sé, ma piuttosto da un contesto sociale che mostra una mancanza di comprensione e di supporto adeguato.

Inoltre, le persone con Asperger possono mostrare interessi molto intensi in specifici argomenti, dedicando loro una grande quantità di tempo e attenzione. Questo comportamento, spesso definito come una ‘fissazione’, può portare a una conoscenza approfondita in aree ristrette. Tuttavia, questa caratteristica può rendere difficile per loro passare da un’attività o argomento all’altro e può risultare in una certa rigidità comportamentale.

Che caratteristiche ha un Asperger?

Le caratteristiche di una persona con sindrome di Asperger possono essere tanto uniche quanto quelle di qualsiasi individuo, ma ci sono tratti comuni che tendono a emergere. Spesso, queste persone dimostrano una capacità di concentrazione e un’attenzione ai dettagli che superano la norma; possono eccellere in campi che richiedono precisione e specializzazione. Al contempo, possono manifestare difficoltà con le abilità motorie, risultando meno coordinati in attività sportive o manuali.

Dal punto di vista comunicativo, anche se il linguaggio verbale può essere corretto e formalmente ricco, la comunicazione pragmatica può essere compromessa. Questo significa che capire il contesto, l’ironia o il doppio senso può essere complicato per chi ha Asperger. A volte, il loro modo di parlare può apparire monotono o privo di variazioni emotive. Questi tratti possono essere misconosciuti come mancanza di empatia, ma in realtà, è la difficoltà nell’esprimere e comprendere le emozioni altrui che sta alla base.

Che differenza c’è tra autismo e sindrome di Asperger?

La sindrome di Asperger si colloca all’interno dello spettro autistico, il che significa che condivide molti tratti con l’autismo. Tuttavia, ci sono differenze significative. Storicamente, la sindrome di Asperger è stata distinta dall’autismo classico principalmente per il livello di funzionamento, in particolare per il linguaggio e l’intelligenza cognitiva. Le persone con Asperger, infatti, non presentano un ritardo significativo nello sviluppo del linguaggio e spesso hanno un’intelligenza media o superiore alla media.

Nonostante tali differenze, nel 2013, il manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, quinta edizione (DSM-5), ha rimosso la sindrome di Asperger come diagnosi distinta, classificandola come parte dello spettro autistico. Questo cambio riflette una comprensione più sfumata del disturbo, sottolineando la continuità e la varietà dei tratti autistici piuttosto che i confini categorici rigidi.

Come sono gli Asperger adulti?

La sindrome di Asperger negli adulti può manifestarsi con sfide e successi unici. Molti adulti con Asperger sono in grado di trovare carriere e passatempi che si allineano ai loro punti di forza, come aree che richiedono attenzione ai dettagli o un approccio logico e sistematico. Tuttavia, possono continuare a incontrare difficoltà nelle relazioni sociali e nella gestione delle emozioni, il che può influenzare sia la vita professionale sia quella personale.

Alcuni adulti con Asperger possono sperimentare ansia o depressione, spesso come risultato delle sfide sociali o della sensazione di essere “diversi”. È importante che ci sia un supporto adeguato e una comprensione da parte della famiglia, degli amici e dei colleghi di lavoro. Con le giuste strategie e un ambiente che valorizzi i loro punti di forza, gli adulti con Asperger possono realizzarsi appieno e vivere una vita ricca e soddisfacente.

Come vive la sessualità un Asperger?

La sessualità in individui con sindrome di Asperger può essere un terreno complesso e variabile. Come tutti gli aspetti della vita, la sessualità è influenzata dalle caratteristiche personali e dalle esperienze individuali. Alcune persone con Asperger potrebbero trovare sfidante interpretare il corteggiamento o le norme sociali riguardanti la sessualità, mentre altre possono vivere la propria sessualità senza particolari difficoltà.

È essenziale che l’educazione sessuale per persone con Asperger sia chiara, esplicita e adattata al loro modo di comprendere il mondo. Le difficoltà nella comunicazione e nella comprensione dei segnali non verbali possono creare confusione nelle relazioni intime, ma con il supporto e l’educazione adeguati, le persone con Asperger possono instaurare relazioni affettive e sessuali appaganti.

Come vede il mondo un Asperger?

La percezione del mondo da parte di un individuo con sindrome di Asperger può essere significativamente diversa da quella di una persona neurotipica. Spesso, i dettagli che sfuggono ad altri sono acutamente percepiti da chi ha Asperger, e questo può portare sia a una maggiore apprezzamento di alcuni aspetti della vita sia a una maggiore sensibilità a stimoli che possono essere sovraccarichi sensoriali, come suoni forti o luci intense.

La loro visione unica del mondo può essere una fonte di creatività e innovazione. La capacità di osservare e analizzare sistemi e modelli può portare a notevoli scoperte e idee originali. Tuttavia, può anche essere fonte di frustrazione quando il mondo non segue la logica o le regole chiare che le persone con Asperger spesso apprezzano e si aspettano.

I primi segni da notare.

I primi segni della Sindrome di Asperger nei bambini possono variare notevolmente da un individuo all’altro, ma esistono alcuni indicatori comuni che possono manifestarsi precocemente.

  1. Difficoltà nelle interazioni sociali: I bambini con Sindrome di Asperger possono mostrare disinteresse per le interazioni sociali, avere difficoltà a instaurare amicizie o non sapere come giocare con altri bambini. Possono preferire giocare da soli o trovare difficile interpretare le espressioni facciali e i segnali non verbali degli altri.
  2. Comportamenti ripetitivi o routine rigide: Possono insistere su routine quotidiane molto specifiche e mostrare grande disagio o rabbia se queste vengono interrotte. Potrebbero anche ripetere continuamente certe parole, frasi o azioni.
  3. Interessi intensi e limitati: Spesso i bambini con Asperger sviluppano interessi molto intensi in argomenti particolari. Questi interessi possono essere estremamente focalizzati e il bambino può voler parlare solo di questi argomenti, escludendo quasi tutto il resto.
  4. Difficoltà nella comunicazione verbale e non verbale: Anche se molti bambini con Asperger iniziano a parlare alla stessa età dei loro coetanei, possono avere difficoltà a utilizzare il linguaggio in modo sociale, come comprendere battute, metafore o linguaggio figurato.
  5. Comportamenti motori non coordinati: Potrebbero apparire goffi nei loro movimenti o avere difficoltà con compiti che richiedono coordinazione motoria fine, come scrivere o abbottonarsi la camicia.
  6. Sensibilità sensoriale: Alcuni bambini con Asperger possono mostrare sensibilità a stimoli sensoriali come luci intense, suoni forti, odori particolari o la sensazione di alcuni tessuti sulla pelle.

È fondamentale sottolineare che ogni bambino con Sindrome di Asperger è unico, e così lo saranno le sue esigenze e le sue caratteristiche. Se sospetti che tuo figlio possa avere la Sindrome di Asperger, consulta un pediatra o uno specialista in disturbi dello spettro autistico, che sapranno supportarti al meglio.

Noi siamo con te.

Noi di Genitore Informato ci impegniamo a fornire risorse e supporto per aiutare a navigare e celebrare queste differenze. Non esitate a esplorare i nostri corsi e le consulenze per affrontare la genitorialità in modo sereno e preparato. Noi siamo con te.

Fonti

Motlani V, Motlani G, Thool A. Asperger Syndrome (AS): A Review Article. Cureus. 2022 Nov 11;14(11):e31395. doi: 10.7759/cureus.31395. PMID: 36514569; PMCID: PMC9742637.

Dott.ssa Claudia Denti

Esperta di Educazione, Sonno e Gestione del bambino. Laureata in Scienze dell'Educazione e Formazione, si occupa di aiutare i genitori a crescere bambini sani e felici secondo principi validati dalla comunità scientifica. Fondatrice di Genitore Informato e ideatrice del metodo Sonno Felice - certificata Sonno Sicuro e Primo Soccorso Pediatrico - supporta i genitori nel loro viaggio dal 2014.

Dott. Severino Cirillo

Esperto di Salute, Benessere ed Educazione. Laureato in Community Health, è il CEO di Genitore Informato e si occupa di validare l'informazione scientifica del blog e coordinare il team di esperti della redazione, composto da ginecologi, ostetriche, psicoterapeuti e altre figure del benessere e della salute in gravidanza, perinatale e genitoriale.

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}