fbpx

Triangolo di Pikler: quando usarlo?

di Claudia Denti, Marzo 18, 2024

Il gioco è un’attività fondamentale per lo sviluppo dei bambini. Tra i numerosi strumenti pensati per accompagnare la crescita dei più piccoli, il triangolo di Pikler si distingue per la sua capacità di stimolare l’autonomia e la motricità in maniera sicura e divertente.

Vediamo insieme quando usarlo e come funziona.

A cosa serve il triangolo di Pikler?

Il triangolo di Pikler, ideato dalla pediatra austriaca Emmi Pikler, è uno strumento ludico-educativo rivolto ai bambini, principalmente nella fascia d’età compresa tra i 6 mesi e i 6 anni. Sappiamo che sembra una fascia molto ampia, ma in realtà con la struttura appropriata, questo strumento può essere usato a lungo.

La funzione principale di questo oggetto è di promuovere lo sviluppo motorio, rispettando i tempi e le capacità del bambino. Il triangolo permette ai più piccoli di arrampicarsi, gattonare e esplorare in totale autonomia, offrendo stimoli adeguati al suo livello di sviluppo. Inoltre, questo semplice attrezzo favorisce l’acquisizione di fiducia nelle proprie capacità fisiche, un aspetto cruciale nella crescita di ogni individuo.

La struttura del triangolo è progettata per assicurare la massima sicurezza: è robusta, stabile e costruita con materiali ecocompatibili. Inoltre, è spesso accompagnata da accessori quali rampe e scivoli che ne ampliano le potenzialità ludiche. L’uso del triangolo di Pikler è molto intuitivo, e non richiede l’istruzione o l’interferenza degli adulti, permettendo così ai bambini di sviluppare la propria creatività e di scoprire i limiti e le possibilità del proprio corpo.

Cos’è il gioco del triangolo?

Quando parliamo del gioco del triangolo ci riferiamo all’attività che i bambini svolgono utilizzando il triangolo di Pikler come strumento principale. Il gioco è totalmente libero e non strutturato: i bambini sono lasciati liberi di utilizzare il triangolo come meglio credono, seguendo i ritmi e i loro interessi personali. Questo permette non solo di sviluppare le capacità motorie ma anche di esprimere la propria creatività, sperimentando continuamente nuove modalità di gioco e movimento.

Il triangolo può diventare un castello da scalare, una capanna dove nascondersi, una montagna da conquistare; la sua semplicità è la chiave che apre a un mondo di possibilità. Il gioco del triangolo si basa sul concetto di apprendimento attraverso il movimento e l’esplorazione attiva: i bambini imparano a riconoscere i loro limiti e a superarli, in un contesto di gioco sicuro e controllato.

A cosa serve l’arco montessoriano?

L’arco montessoriano è un altro strumento pedagogico, strettamente imparentato con la filosofia educativa di Maria Montessori. Questo attrezzo viene utilizzato per incoraggiare il movimento libero e naturale dei bambini. Proposto come un oggetto di arrampicata o come parte di un percorso motorio, l’arco montessoriano ha la funzione di stimolare l’equilibrio, la coordinazione e la forza fisica. Consente ai bambini di misurare la propria resistenza e di sfidare sé stessi, in una prospettiva di crescita personale e di autonomia.

L’arco montessoriano, spesso realizzato in legno per garantire la sicurezza e la robustezza, può essere utilizzato in combinazione con il triangolo di Pikler o altri materiali educativi. L’obiettivo dell’arco è quello di fornire ai bambini uno spazio di gioco che sia al contempo stimolante e rassicurante, dove possano esplorare le proprie capacità motorie e sviluppare la fiducia in se stessi.

Quali sono i giochi montessoriani?

I giochi montessoriani sono ideati seguendo i principi dell’omonima metodologia educativa, che pone l’accento sull’apprendimento autonomo e sul rispetto del ritmo individuale di ciascun bambino. Questi giochi, spesso realizzati in materiali naturali come il legno, sono progettati per essere esteticamente semplici, funzionali e soprattutto sicuri. La gamma di giochi montessoriani è molto vasta e include puzzle, blocchi di costruzione, materiali per versamenti, strumenti musicali, oggetti per la cura dell’ambiente e molto altro.

Ogni gioco montessoriano ha uno scopo educativo preciso: alcuni sono pensati per sviluppare le capacità sensoriali, altri per affinare la coordinazione occhio-mano o la logica matematica. Ciò che li accomuna è la volontà di stimolare la curiosità dei bambini e di permettere loro di imparare attraverso l’esperienza diretta e il gioco libero. In questo contesto, il bambino è il protagonista del proprio apprendimento e può esplorare il mondo che lo circonda in maniera attiva e consapevole.

Noi siamo con te.

In conclusione, sia il triangolo di Pikler che i giochi montessoriani sono strumenti preziosi per il sostegno allo sviluppo sano e armonioso dei bambini. Noi di Genitore Informato crediamo nella potenza dell’educazione consapevole e siamo lieti di offrire guide, corsi e consulenze personalizzate per accompagnare i genitori in questo meraviglioso viaggio.

Fonti

Marshall C. Montessori education: a review of the evidence base. NPJ Sci Learn. 2017 Oct 27;2:11. doi: 10.1038/s41539-017-0012-7. PMID: 30631457; PMCID: PMC6161506.

Dott.ssa Claudia Denti

Esperta di Educazione, Sonno e Gestione del bambino. Laureata in Scienze dell'Educazione e Formazione, si occupa di aiutare i genitori a crescere bambini sani e felici secondo principi validati dalla comunità scientifica. Fondatrice di Genitore Informato e ideatrice del metodo Sonno Felice - certificata Sonno Sicuro e Primo Soccorso Pediatrico - supporta i genitori nel loro viaggio dal 2014.

Dott. Severino Cirillo

Esperto di Salute, Benessere ed Educazione. Laureato in Community Health, è il CEO di Genitore Informato e si occupa di validare l'informazione scientifica del blog e coordinare il team di esperti della redazione, composto da ginecologi, ostetriche, psicoterapeuti e altre figure del benessere e della salute in gravidanza, perinatale e genitoriale.

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}