fbpx

Yoga per la gravidanza: fa davvero bene?

di Severino Cirillo, Giugno 18, 2024

Mantenere il corpo allenato con yoga per la gravidanza può essere una buona idea.

In questo articolo parliamo di cos’è lo yoga, chi può fare yoga in gravidanza, quali sono le posizioni più utili, quali sono i benefici, a cosa prestare attenzione e quando cominciare.

Cos’è lo yoga?

Lo yoga è una pratica millenaria che combina movimenti fisici, respirazione controllata, meditazione e rilassamento.

Originaria dell’India, mira a promuovere armonia tra corpo e mente, migliorando sia la salute fisica che quella mentale.

Durante la gravidanza, lo yoga può essere particolarmente vantaggioso, adattando posture e tecniche per supportare i cambiamenti che il corpo della donna attraversa in questo periodo.

Chi può fare yoga in gravidanza?

In generale, la maggior parte delle donne in gravidanza può praticare lo yoga, purché ottenga il consenso del proprio medico.

Per quanto possa sembrare solo una pratica rilassante, infatti, richiede molta concentrazione e un certo sforzo fisico.

Lo yoga prenatale è particolarmente utile per le donne con una gravidanza fisiologica, cioè senza complicazioni.

Tuttavia, se una donna ha una gravidanza a rischio o soffre di determinate condizioni mediche, è fondamentale consultare un professionista sanitario prima di iniziare qualsiasi programma di esercizi.

Lo yoga in gravidanza è adatto a tutte le future mamme che cercano un modo sicuro ed efficace per mantenere la forma fisica e il benessere mentale durante i nove mesi di attesa.

Quali posizioni sono più utili?

Le posizioni (normalmente chiamate asana) dello yoga prenatale sono adattate per accogliere i cambiamenti del corpo durante la gravidanza.

Alcune delle posizioni più utili includono:

  • Posizione della Tigre (Vyaghrasana): aiuta ad alleviare il mal di schiena rafforzando e allungando i muscoli della schiena.
  • Posizione della Ghirlanda (Malasana): favorisce l’apertura dei fianchi e prepara il corpo al parto.
  • Posizione della Farfalla (Baddha Konasana): aiuta a mantenere la flessibilità del bacino e migliora la circolazione nelle gambe.
  • Posizione delle Gambe al Muro (Viparita Karani): favorisce il rilassamento e migliora la circolazione sanguigna, riducendo il gonfiore nelle gambe.

Se hai la possibilità di avere un’insegnante di yoga, è la soluzione migliore: potrà infatti aiutarti a mantenere le posizioni giuste e seguirti nella progressione della gravidanza.

Quali sono i benefici dello yoga per la gravidanza?

Praticare yoga durante la gravidanza può offrire numerosi benefici per la madre e il bambino, tra cui:

  1. Miglioramento del sonno
  2. Riduzione di stress e ansia
  3. Aumento della forza e della resistenza muscolare
  4. Alleviamento dei disturbi fisici
  5. Miglioramento della circolazione sanguigna
  6. Preparazione al parto per la gestione del dolore e dello stress

Tutti questi benefici, ovviamente, sono possibili se la pratica è fatta correttamente e in condizioni fisiche sufficienti per ottenerli.

yoga per la gravidanza

A cosa devo prestare attenzione?

Sebbene lo yoga per la gravidanza sia generalmente sicuro, ci sono alcune precauzioni da considerare, soprattutto ricordandosi che è una pratica piuttosto dispendiosa in termini di concentrazione ed energie.

Vediamo insieme alcuni dettagli su cui focalizzarsi.

  • Evita posizioni supine: dopo il quarto mese, evita di sdraiarti sulla schiena per prevenire la sindrome dell’ipotensione supina.
  • Evita torsioni profonde, salti e inversioni perché questi movimenti possono essere stressanti per il corpo in gravidanza.
  • Occhio alla postura: man mano che la pancia cresce, è importante mantenere una postura corretta per evitare tensioni alla colonna vertebrale.
  • Ascolta il tuo corpo: interrompi immediatamente l’esercizio se avverti dolore, vertigini o disagio.
  • Concentrati sulla respirazione profonda attraverso il naso, è cruciale per mantenere il benessere fisico e mentale.

Quando posso cominciare a fare yoga in gravidanza?

È possibile iniziare a praticare yoga prenatale in qualsiasi trimestre della gravidanza, purché si abbia il consenso del medico.

Iniziare presto può aiutare a stabilire una routine di esercizio che può essere mantenuta per tutta la gravidanza.

Tuttavia, ogni trimestre può richiedere adattamenti specifici:

  • Il primo trimestre è un periodo di adattamento, quindi le posizioni possono essere più delicate e focalizzate sul rilassamento e sulla respirazione.
  • Nel secondo trimestre con l’aumento della pancia, le posizioni possono essere modificate per mantenere l’equilibrio e il comfort.
  • Infine, nel terzo trimestre le posizioni che favoriscono l’apertura dei fianchi e il rilassamento sono particolarmente utili in preparazione al parto.

Noi siamo con te.

Lo abbiamo capito, lo yoga prenatale è un’opzione eccellente per mantenere la forma fisica e il benessere mentale durante la gravidanza.

Con il consenso del medico e le giuste precauzioni, questa pratica può offrire numerosi benefici per la futura mamma e il suo bambino, contribuendo a un’esperienza di gravidanza più serena e positiva.

Noi di Genitore Informato siamo qui per supportarti con i nostri percorsi e le nostre consulenze personalizzate.

Ricorda, noi siamo al tuo fianco.

Fonti

Curtis K, Weinrib A, Katz J. Systematic review of yoga for pregnant women: current status and future directions. Evid Based Complement Alternat Med. 2012;2012:715942. doi: 10.1155/2012/715942. Epub 2012 Aug 14. PMID: 22927881; PMCID: PMC3424788.

Dott.ssa Claudia Denti

Esperta di Educazione, Sonno e Gestione del bambino. Laureata in Scienze dell'Educazione e Formazione, si occupa di aiutare i genitori a crescere bambini sani e felici secondo principi validati dalla comunità scientifica. Fondatrice di Genitore Informato e ideatrice del metodo Sonno Felice - certificata Sonno Sicuro e Primo Soccorso Pediatrico - supporta i genitori nel loro viaggio dal 2014.

Dott. Severino Cirillo

Esperto di Salute, Benessere ed Educazione. Laureato in Community Health, è il CEO di Genitore Informato e si occupa di validare l'informazione scientifica del blog e coordinare il team di esperti della redazione, composto da ginecologi, ostetriche, psicoterapeuti e altre figure del benessere e della salute in gravidanza, perinatale e genitoriale.

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}